Formazione finanziata

Migliorare la sostenibilità economico-finanziaria delle cooperative sociali col marketing e la raccolta fondi

Il recente avviso Foncoop (n°40 del 30/10/17) offre la possibilità di impostare un lavoro di ampio respiro sul fronte dello sviluppo delle cooperative attraverso il lavoro di pianificazione strategica e la valorizzazione delle risorse interne.

Riportiamo dal testo dell’avviso:

Finalità dellavviso è quella di supportare la crescita e la competitività delle imprese aderenti attraverso la sperimentazione di attività e di servizi volti a garantire la stabilità e la qualità delloccupazione a fronte di processi di sviluppo, innovazione o di riorganizzazione e/o ristrutturazione aziendale.

L’avviso promuove un set di interventi integrati e tra loro complementari, finalizzati alla realizzazione di importanti percorsi di rafforzamento delle competenze e della professionalità coniugando politiche di sviluppo aziendali con percorsi di analisi e valorizzazione del capitale umano. In tal senso, tali interventi si ascrivono nella prospettiva delle politiche attive del lavoro con una logica marcatamente preventiva”.

Centrale Etica (www.centrale-etica.it) e SoftPower (www.soft-power.it) sono due marchi che contraddistinguono una attività consulenziale e formativa che nell’arco di 12 anni ha coinvolto quasi 150 organizzazioni nonprofit di ogni dimensione e settore di attività, con l’obiettivo di favorire la sostenibilità a medio termine attraverso:

  • la messa a punto di una strategia di sviluppo
  • il posizionamento coerente dell’organizzazione
  • il coinvolgimento delle risorse interne nel processo di cambiamento
  • la messa a punto di strumenti per gestire il cambiamento da protagonisti, prendendo il controllo del proprio futuro
  • l’avvio di attività di fund raising e di marketing, in un mix calibrato su misura secondo le necessità.

Il tema della sostenibilità è declinata nel nostro modello secondo 4 assi principali:

  • culturale
  • organizzativo
  • strategico
  • economico-finanziario

nella consapevolezza che sono molti gli elementi da prendere in considerazione per attivare processi virtuosi di sviluppo consapevole e partecipato.

Il rafforzamento delle competenze e la valorizzazione delle risorse interne avviene grazie a due fattori congiunti:

  • il trasferimento di un metodo di lavoro, che si basa su un set di strumenti e metodologie molto collaudate che di volta in volta vengono contestualizzate e rifocalizzate rispetto agli specifici obiettivi
  • la modalità di lavoro collegiale, basata sulla creazione di gruppi di lavoro che opportunamente formati acquisiscono una loro capacità progettuale e operativa autonoma.

 

Quali sono gli obiettivi che ci si può porre?

  1. Ridurre il rischio d’impresa

Il quadro che si riscontra frequentemente è di una eccessiva dipendenza da una fonte di finanziamento principale (normalmente l’ente pubblico). Viceversa la stabilità e la capacità di sviluppo richiedono diversificazione delle fonti e delle attività, per essere in grado di gestire scenari sempre più turbolenti e imprevedibili.

  1. La stabilità e lo sviluppo grazie a una visione a medio termine condivisa

Oggi per avere una visione proiettata in avanti e in grado di coniugare innovazione ed efficienza bisogna dotarsi di strumenti di pianificazione e progettazione più sofisticati rispetto al passato; serve managerialità nella gestione, cioè capacità di leggere il quadro complessivo dell’organizzazione e il contesto esterno.

L’autoreferenzialità propria di tante nonprofit, cioè la tendenza a guardare molto all’interno e poco all’esterno, può essere smorzata nei suoi effetti negativi nel momento in cui si riesca ad integrare nel proprio modello di sviluppo una maggiore capacità di lettura dei trend e dell’evoluzione del contatto esterno.

  1. La stabilità e lo sviluppo attraverso la valorizzazione dei propri punti di forza

Il posizionamento, inteso come messa a fuoco delle proprie specificità e valorizzazione dei propri punti di forza, è un passaggio importante e per nulla scontato.

Lo sviluppo di una attività di gruppo su questo tema costituisce sempre un’ottima opportunità di riflessione e di team building, dagli esiti positivi e duraturi.

In ogni caso l’idea di fondo è di mettere a punto un pacchetto di idee operative e di avviare dei test di fund raising e/o di mercato che aiutino a capire se si è sulla buona strada quanto a strategia di sviluppo.

 

Cosa possiamo fare per voi

Un piano aziendale complesso integrato così come definito nell’avviso consta di due parti, la prima delle quali sarà finalizzata a porre le basi della seconda grazie ad attività di analisi del contesto, delle opportunità di sviluppo, delle problematiche da risolvere, del fabbisogno formativo.

La seconda fase, più operativa, prevede la implementazione di una o più attività finalizzate alla formazione, allo sviluppo e alla crescita delle competenze professionali e del know how organizzativo.

I formatori e consulenti di Centrale Etica / SoftPower vi possono affiancare:

  • nell’analisi di fattibilità dell’idea di sviluppo e dell’opportunità di presentare un piano formativo per supportare tale sviluppo
  • nell’ideazione e progettazione del piano formativo
  • nella presentazione, gestione e rendicontazione del piano
  • nella realizzazione di tutte le attività della fase I e II.

Contattaci per avere maggiore informazioni

 
Per ricevere aggiornamenti sulle prossime iniziative
 
Se non fai parte di alcuna organizzazione scrivi "nessuna"
 
Se non disponi di questo dato scrivi "nessuno"